A  B C D E F G H I L M N O P Q R S T U V Z 

minturnese
italiano  
sacca, ‘nzacca tasca, in tasca
saccio so (lo saccio=lo so)
sacchetta piccolo sacco
saccone pagliericcio, sacco riempito con foglie essiccate di pannocchie di granoturco
saettone lucertolone, grosso ramarro, anche biscia o serpente
saglie, sagliutu salire, salito
sangiuvanni compare, testimone di nozze o padrino di battesimo
sangu sangue
sanguanatu sanguinaccio
sanguètta sanguisuga, mignatta / persona appiccicosa, fastidiosa)
saràca aringa
sàrcena fastello, fascio di legnetti da ardere; anche “molti/e (agg)”
sartania padella
sauciccia salsiccia
sauru incolto (di terreno)
sàuzu, sauzigliu salato, leggermente salato
sbannella’ spalancare
sbarià farneticare ma anche “distrarsi un po’”
sbatte scuotere, scaraventare
sbelà contrario di abbelà, disseppellire
sbentà svaporare, lasciare prendere aria
sbèrgine stupida ostentazione
sberzà traboccare (di liquidi da un recipiente)
sbitatu svitato, strambo
sbramà sbranare
sbutina’ sciogliere specialmente di qualcosa annodato es: sbutina’ ‘n’annurucu = sciogliere un nodo
scacazzià sporcare dappertutto (tipico delle galline), imbrattare
scagnà scambiare, stingere
scagneteglio, scagnu sgabellino, panca
scama schiuma, bava del cavallo
scamosciatu quasi asciutto, leggermente umido
scampoleglio sonnellino
scanganato sgangherato
scanzatu andato di testa
scaorà riscaldare
scaozàrese togliersi le scarpe
scarda (de sapone) residuo di sapone o saponetta; si usa anche per indicare qualsiasi piccola quantità
scarrafone scarafaggio
scarogna scalogna, fortuna
scarteglio gobba
scartellato gobbo
scarusu a capo scoperto, senza cappello
scauzu scalzo
scazzarìa secrezione giallastra, dovuta a infezione, che si forma agli angoli degli occhi. Cispo
scèccu asino, somarello
scegne scendere
scella ala
scetà svegliare
schezzechéa pioviggina
schiaffà mettere senza criterio
schiaffià schiaffiare
schiarà risciacquare (i panni)
schiarì schiarire (del cielo)
schiattà crepare, scoppiare
schiattusu lamentoso, indicato in particolare per un bambino che si lamenta perché sta male
schiovà, schiovatu schiodare, schiodato (significa anche “poveraccio” sost)
schiove spiovere
scetarese svegliarsi
scì, sciutu uscire, uscito
sciacquatu slavato (specialmente di brodo o caffè)
scialà godersela
scialacquone persona che sperpera
sciampagnolo gaudente, festaiolo
sciaraballo baroccio a due ruote, calesse dozzinale
sciangatu storpio, claudicante
sciarra’ sciarra litigare, litigio
sciccà togliere con prepotenza
scicco, sciccusu elegante
scigliato/u spettinato
scigna scimmia, malumore, arrabbiatura
sciò! esclamazione per scacciare polli e volatili in genere
sciorda diarrea
sciovelà scivolare
sciuè sciuè superficialmente
sciurigli, fiurigli fiori di zucca
scivolarella scivolo
scoccio recipiente di terracotta malridotto
scoccolà scrostare (di ceramica
scocozza’ dare molte botte in testa
scofenato sfondato (di chi non si sazia mai), oppure di chi ha portato troppo peso (me so scofenato)
scòlla scialle
sconcecà disturbare, infastidire
scoppetta pistola
scoppettate colpi d’arma da fuoco, pistolettate, fucilate
scoppola berretto, batosta
scoppolone ceffone
scordareglio chi dimentica facilmente
scorepà pulire il terreno- togliendo l’erba -dopo l’aratura
scornà litigare
scornacchiato svergognato
scòrno vergogna
scornusu timido, che ha vergogna
scorre sopportare
scorzone lumaca non commestibile
scorzutu con la pelle o la scorza dura
scose, scusì scucire
scoscenato completamente indolenzito, senza forze
scotà ascoltare
scotelà scuotere (es: una tovaglia)
scrafaccià schiacciare
scramazzà pestare, schiacciare con i piedi, calpestare
screffonnà, screffonnarese mettere in un luogo molto lontano e nascosto, sparire andando molto lontano. Agli screffunni = introvabile, all’inferno
scresciutu troppo lievitato
scròcca frutti a gruppi (ciliegie, banane, ecc)
scroccà ottenere gratuitamente
scuncecusu scostante, scomodo, intrattabile
scunciu
scunfiru sconforto, avvilimento, scoraggiamento
scupinu spazzino
scurdu scuro, oscurità
scuriatu frusta da carrettiere
scurnusu timido
scusì scucire
scutulia’ /scotola’ (voce più moderna) scuotere (per esempio il ramo di un albero per far cadere la frutta , come anche una tovaglia per far cadere le briciole)
scuzzenisce, scozzecà pulire qualcosa di molto sporco, scrostare,togliere sporco vecchio
sdanghe aste, prolunghe del carro o carretto alle quali è attaccato il cavallo per il traino
sdellabbrato usato particolarmente per indicare un indumento deformato  dal cattivo uso
sderenato con la schiena rotta
sdilinguimento languore di stomaco, svenimento
sdommellatu sderenato, con la schiena a pezzi
seccia, seccetella seppia, seppiolina(in senso figurato significa malaugurio, sfortuna, iella. es: m’è mannatu na seccia= mi hai mandato un malaugurio)
secozzone manrovescio
seggia sedia
selluzzu singhiozzo
semmenà seminare
semmenatura semina
Semmeneglio Simonelli (località di Marina di Minturno)
senga fessura
sendola o sentola strummolo perfettamente equilibrato che gira vorticosamente su se stesso senza saltellamenti
sepeone tonto, stupido (così chiamata la statua di scipione l’Africano posta davanti alla piazza Portanova)
sepporteche portici, porticato
serena brina, rugiada
sèro suocero, siero del latte ma con la e stretta
serrécchia falce messoria (usata per la mietitura)
sfastirià infastidire
sfiatito che ha perso vigore,tipico del vino lasciato senza tappo
sfrosà provocare perdita di sangue con un colpo al naso
sfruculià infastidire, provocare
sgamberà sgombrare
sgarraréglie scioglilingua
sgarrupà rovinare, demolire, crollare, franare
sguarra’ squartare, in senso figurato indumento che si strappa perché troppo stretto
sguincio (de) di sbieco, di traverso
sicutà seguire, pedinare
silluzzo(u) singhiozzo
sinicata strada lastricata, via rozzamente selciata
sinnucu sindaco
sirchiu cerchio
siriticciu raffermo, indurito (di pane), stantio
sischiareglio fischietto
siscu fischio
siu, sia suo, sua
smerza (alla) al contrario, detto di mano= sinistra
soace, soacella platessa, pesce simile alla sogliola
soccia una piccola striscia di terra di un podere
soce topo, sorcio
sonco sono
sonnareglio sonnellino, pennichella
soppella rattoppo alla meglio della suola di una scarpa
sore, sorema sorella, mia sorella
sorecugina cugina in primo grado
sorge sorbe
sorgi corbezzoli
sorreje morire di paura (m’ha fatto sorreje = mi ha spaventato)
sosameglie ciambelle di farina e miele (si facevano con farina di sesamo)
soscella carruba
soscià soffiare
sosérese alzarsi
spagnoletta sigaretta di filo
spallà spezzare riferito al ramo di un albero che si spezza sotto un eccessivo peso
spantecà/spantechià spasimare
sparagnà risparmiare
sparatrappu cerotto
sparnocchia canocchia
sparra cercine
spasella cesta di vimini o di stramma molto bassa usata dalle mogli dei pescatori per trasportare il pesce e venderlo strada facendo. La versione moderna della spasella è la cassetta bassa della frutta
spennato calvo
spensà, spenzà dispensare, distribuire
sperania erba spontanea, a foglie larghe, commestibile che fa parte della “mescolanza”
sperlonca fiamminga, grosso piatto ovale da portata di metallo o di ceramica
spia’ domandare
spiccadosso lavanda, lavandula
spilapippe magrolino, mingherlino
spingola spilla
spinola spigola
spinziritu spensierato
spirdu spirito
spirì (infinito: spirisce) morire dal desiderio, desiderare qualcosa facendo gli occhi languidi; desiderare e non potere avere ciò che gli altri hanno. es(riferito a qualcosa da mangiare): chigliu ninnu se sta a spirisce, daccenne ‘no poco= quel bambino sta morendo di disiderio, dagliene un po’.
spiritià scoreggiare
spirtusà, spirtusu bucare, buco, pertugio
spizzèco schizzinoso, schifiltoso
spizzulià piluccare, mangiucchiare, spilluzzicare
spolverino (anche italiano) soprabito leggero ed elegante che veniva indossato per qualche cerimonia
sprimuzzà tritare, triturare
sprucido scontroso, poco socievole
spuntivu impulsivo specialmente con le parole
squaglià sciogliere
squarcio, squarci, squarcione, squarcessa non ha nulla a che vedere con l’italiano “fenditura”; fare gli squarci significa strafare, ostentare, vantarsi a dismisura, esagerare nel proporsi
squitato sfaticato, scansafatiche
squizzo schizzo, piccola quantità di liquido
sta’ stare, essere , questa
stancinà fare a pezzi, specialmente la legna
stimpitià tipico movimento delle zampe dell’animale ucciso che sta per morire
stinciu(o) avaro
stipà conservare
stipo armadio, credenza
stommaca’ stancarsi ma non in senso fisico, stufarsi Es: uffa, me so stommacato
stonatu distratto, rimbambito
storzellatu storto, deforme
stracco (in disuso) stanco morto
strangolapréote gnocchi fatti con farina di grano e acqua
stregne stringere
streppone pezzo di radice o di ramo secco
streusu linguaggio incomprensibile, strano,
stroccà spezzare un filo, rompere, tirare via (come frutta da un albero)
strue, struie consumare, logorare
strugliu saracchio, arbusto dallo stelo lungo e sottile con pennacchio
strùmmulo(u) piccola trottola di legno a forma di cono appuntito che si fa girare scagliandola a terra e trattenendo lo spago che l’avvolge. Uno (forse l’unico) dei giocattoli che avevano tutti i ragazzetti nel dopoguerra.
struppià storpiare
stuà, stuarese asciugare, asciugarsi: in genere seguito dalla parte del corpo
stùppuru torsolo di pannocchia sgranata
stutà smorzare, spegnere
sùbbeto o sùbbutu sùbito
sucà, sugà succhiare
sucarizio liquirizia
sucusu, sugusu succoso
superbioso superbo
surà/ suratu sudare/ sudato
susì/ susirese alzare, sollevare/ alzarsi
svacantà svuotare

marica riccardelli
via c. colombo 177
04026 m. di minturno (LT)

maricariccardelli39@gmail.com

Post Views: 7